CACCIA GROSSA
Si possono fare diverse modalità di caccia, con fucili a canna liscia  o arma corta  in luoghi sumamente agresti o  in spazi aperti di grande estensione, caratterizzandosi per la incomparabile bellezza. La maggioranza delle specie sono state introdotte all’inizio del secolo XX  e le specie naturali da quel luogo sono caratterizzate dal puma, dal broket der e  il pecari. Le zone di caccia sono le provincie di La Pampa, Buenos Aires, Entre Ríos, Córdoba e Santa Fe. Il programma di caccia si costituisce d’accordo agli animali che si vogliano cacciare.
Si caccia in ampie campagne denominate “Estancias” privati ben attrezzate e accompagnati sempre da un guida professionale.
Le specie che si cacciano in Argentina sono:
Jabalí
JABALÍ
Puma
PUMA
Ciervo Axis
CIERVO AXIS
Carpincho
CARPINCHO
Bufalo de agua
BUFALO DE AGUA
Corzuela
CORZUELA
Antilope de la india
ANTILOPE DE LA INDIA

Pecarí
PECARÍ

Ciervo Colorado
CIERVO COLORADO
“Montería criolla”, questa è la modalità di caccia grossa più nobile e sportiva per catturare cinghiali, puma e pecari nel loro ambiente naturale. Questi ambienti possono essere molto variabili:  montagne, dove il suolo è roccioso e è alta la vegetazione, o pantani , dove il fango, l’acqua e gli alti pascoli sono forti alleati dei cinghiali. Così come sono anche i monti chiusi “pampéanos”  e/o i monti “norteños”, nei quali a volte si fa impossibile mettersi, dovendo farlo con falce o trascinanandosi per terra. La vegetazione in questi monti è bassa e spinosa.
Secondo la mia opinione è lo sport più virile che esista  giacchè  nel compito di catturare la fiera, il cacciatore deve dimostrare tutte le sue qualità e abilità all’estremo. Deve aguzzare tutti i suoi sensi, utilizzare la sua intelligenza, la forza fisica e spirituale. E al di sopra di tutte queste cose , deve mettere una parte di coraggio.